Sonny Colbrelli al Giro dell’Appennino 2014

Il sortilegio è spezzato. A pochi giorni dalla prima vittoria ottenuta al Giro di Slovenia e inseguita per un paio d’anni, Sonny Colbrelli ha subito raddoppiato. Il corridore della Bardiani CSF ha confermato l’ottimo momento di forma vincendo il Giro dell’Appennino 2014 sul traguardo di via XX Settembre a Genova. La corsa si è decisa con una volata in cui Colbrelli ha superato nettamente Grega Bole (Fantini) e Miguel Angel Rubiano (Colombia). A seguire Ponzi, Pasqualon, Lagutin, Battaglin, Parrinello, Taborre e Pomoshnikov.

Come previsto il Passo della Bocchetta non è stato decisivo, essendo piazzato ad oltre 50 km dall’arrivo. La corsa si è animata sulle rampe della storica salita, con Rabottini tra i più attivi, ma non c’è stata vera selezione. Sulla Bocchetta è stato Firsanov a scollinare al comando, così come sui due Gpm successivi della Castagnola e dei Giovi. Ma il lungo tratto finale in piano verso Genova ha permesso un ricompattamento di una quarantina di corridori al comando. E in via XX Settembre, arrivo in leggera salita, Colbrelli ha fatto valere il suo spunto veloce.

Sonny Colbrelli:”La vittoria in Slovenia mi ha dato la svolta e oggi ho avuto una importante conferma per il mio futuro. Ci credevo nel successo e con me tutta la squadra che è stata ancora una volta fantastica. Nel finale abbiamo fatto una gara perfetta e l’abbiamo tenuta cucita fino alla fine. Io poi ho preso la ruota di Bole, atteso i 250 metri, li sono partito ed è andata bene. Comunque tutta la squadra sta andando forte, il morale è alto e sono convinto che possiamo fare un grande Campionato Italiano”.

1. Sonny Colbrelli (Bardiani Csf)
2. Grega Bole (Vini Fantini Nippo De Rosa)
3. Miguel Angel Rubiano (Team Colombia)
4. Simone Ponzi (Neri Sottoli)
5. Andrea Pasqualon (Area Zero)
6. Sergey Lagutin (RusVelo)
7. Enrico Battaglin (Bardiani Csf)
8. Antonino Parrinello (Androni Venezuela)
9. Fabio Taborre (Neri Sottoli)
10. Sergey Pomoshnikov (RusVelo).

0 Comments Join the Conversation →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.