Vuelta 2014, Michael Matthews a Arcos

All’interno classifiche, video e 7 interviste – Gran bel duello finale nella terza tappa della Vuelta 2014 che prevedeva un arrivo tecnico e in leggera salita. Michael Matthews ha scavalcato negli ultimi metri Daniel Martin, finalizzando il lungo lavoro della Orica che ha tirato gran parte della tappa. Alle prime sollecitazioni della corsa hanno risposto bene sia Froome che Contador, le due grandi incognite di questa Vuelta. Con la vitoria di tappa Michael Matthews prende anche la maglia di leader, doppiando così la rosa del Giro d’Italia.

Lo sprint di Michael Matthews
Lo sprint di Michael Matthews

La tappa è stata molto lenta e molto calda. Subito si è formata una fuga con Cousin (Europcar), Mas (Caja Rural RGA), Fumeaux (IAM), Danilo Wyss (BMC), Van Rensburg (MTN Qhubeka). Il gruppo ha preso un passo regolare, con la Orica che ha tirato per km e km. Ma la fuga si è esaurita più per sfinimento dei corridori all’attacco che per l’inseguimento del gruppo. Ad una settantina di km Mas ha continuato da solo in un’impresa impossibile. Sfinito, è stato raggiunto dal gruppo a 25 km dall’arrivo. La corsa ha vissuto un sussulto per una caduta di Malori e Catroviejo (Movistar) in cui è rimasto coinvolto senza conseguenze anche Valverde, poi Hansen (Lotto) ha cercato di approfittare della calma piatta, ma il gruppo l’ha raggiunto in breve.

La Giant ha guidato il finale, molto tecnico e difficile, con curve e strappetti fino alla rampetta conclusiva. Ma Degenkolb non ha risposto. La Katusha si è fatta avanti nel tratto più duro e all’ultimo km Caruso ha approfittato della situazione per avvantaggiarsi. Ma il siciliano non ha avuto le forze per portare l’azione fino in fondo. Da dietro sono rinvenuti fortissimo Daniel Martin (Garmin) e Michael Matthews (Orica). L’australiano ha aspettato il più possibile, poi nelle ultime decine di metri è passato di slancio andando a vincere. Una bella vittoria, in un finale difficile, con avversari di rango e con una squadra che aspettava di essere ricompensata per tutto il lavoro fatto.

Michael Matthews è il nuovo leader della Vuelta 2014
Michael Matthews è il nuovo leader della Vuelta 2014

Rodriguez (Katusha) è risalito bene nel finale, in un arrivo troppo facile per lui. Ma Purito ha dimostrato di esserci, così come Kelderman (Belkin) arrivato subito dietro e EVans (BMC). Froome (Sky) ha risposto bene rimanendo tra i primi, Contador (Tinkoff) ha lottato nelle primissime posizioni fino agli ultimi 300 metri quando è venuta fuori la ruggine post infortunio. Ma consideriamo molto positiva la prova di Contador, così come quella di Quintana (Movistar), anche lui ben messo tra i migliori. Ha perso terreno invece Valverde, rimasto indietro con 7” di ritardo.

LE INTERVISTE

Alejandro Valverde: “Uno dei miei compagni è caduto davanti a me. E’ stato un colpo secco, non ho nessuna abrasione. Siamo ripartiti e sono rientrato. Ho cominciato a risalire il gruppo e per questo sono contento del tempo perso, sette secondi sono pochi. Ho un dolore alla spalla, ma spero non sia niente. Più che aver perso la maglia mi spiace non aver potuto correre per vincere la tappa, ma sono cose che succedono”

Adriano Baffi, Ds Trek: “Era molto caldo, 40-42 gradi, tutti hanno sofferto. Non era una tappa per velocisti, la nostra idea era di avere un treno per Arredondo e Zubeldia. Julian è arrivato nella top 20 ma onestamente ci aspettavamo di più”

Joaquim Rodriguez: “Il finale non era perfetto per noi, ma abbiamo preso la corsa in mano. Caruso era molto forte, è un peccato che sia riuscito a vincere. Forse potevo provare qualcosa, ma siamo soddisfatti di come è andata, la squadra ha fatto molto bene”

Rigoberto Uran: “La squadra ha fatto un buon lavoro, il nostro obiettivo era di stare con i migliori sulla salita finale. Ci siamo portati davanti a 5 km dall’arrivo. Era importante non perdere secondi, ce l’abbiamo fatta e quindi è stata una buona giornata”

Alberto Contador: “L’obiettivo era perdere meno tempo possibile. Mi è mancato qualcosa nel finale, ho reagito troppo presto. E’ stata una tappa con tanto caldo e tanto vento, mi è stata utile per prendere il ritmo, anche se è stata molto stressante. Il ginocchio non mi ha fatto male, ma ora metteremo del ghiaccio perchè dopo la tappa potrebbe darmi fastidio. Era un finale troppo esplosivo per come sto adesso, c’è gente molto più forte di me adesso, speriamo di andare meglio nell’ultima settimana”

Wilco Keldermann: “Sono molto contento, non mi aspettavo questo quarto posto. E’ stata una tappa pesante. Ad un km e mezoz dall’arrivo c’era uno strappo molto ripido, dopo è stata una lunga volata fino al’arrivo, il lattato era ovunque”

Robert Gesink: “Ho bevuto una ventina di borracce, ma non ho sofferto il caldo. MI sono sentito bene e sono soddisfatto del risultato, soprattutto guardando i corridori che ci sono qui”

1 Michael Matthews (Aus) Orica Greenedge 5:12:14
2 Daniel Martin (Irl) Garmin Sharp
3 Joaquin Rodriguez Oliver (Spa) Team Katusha
4 Wilco Kelderman (Ned) Belkin Pro Cycling Team
5 Paul Martens (Ger) Belkin Pro Cycling Team
6 Cadel Evans (Aus) BMC Racing Team
7 Lloyd Mondory (Fra) AG2R La Mondiale
8 Nacer Bouhanni (Fra) FDJ.fr
9 Daniel Moreno Fernandez (Spa) Team Katusha
10 Christopher Froome (GBr) Team Sky
11 Rigoberto Uran Uran (Col) Omega Pharma – Quick-Step Cycling Team
12 Samuel Sanchez (Spa) BMC Racing Team
13 Nairo Alexander Quintana Rojas (Col) Movistar Team
14 Robert Gesink (Ned) Belkin Pro Cycling Team
15 David Arroyo Duran (Spa) Caja Rural – Seguros RGA
16 Alberto Contador Velasco (Spa) Tinkoff-Saxo
17 Jhoan Esteban Chaves Rubio (Col) Orica Greenedge 0:00:07
18 Sergio Pardilla Bellon (Spa) MTN – Qhubeka
19 Julian David Arredondo Moreno (Col) Trek Factory Racing
20 Peter Kennaugh (GBr) Team Sky
21 Philippe Gilbert (Bel) BMC Racing Team
22 Gianluca Brambilla (Ita) Omega Pharma – Quick-Step Cycling Team
23 Damiano Caruso (Ita) Cannondale
24 Andrew Talansky (USA) Garmin Sharp
25 Daniel Navarro Garcia (Spa) Cofidis, Solutions Credits
26 Giampaolo Caruso (Ita) Team Katusha
27 Ryder Hesjedal (Can) Garmin Sharp
28 André Cardoso (Por) Garmin Sharp
29 Fabio Aru (Ita) Astana Pro Team
30 Tanel Kangert (Est) Astana Pro Team

Classifica generale
1 Michael Matthews (Aus) Orica Greenedge 9:27:53
2 Nairo Alexander Quintana Rojas (Col) Movistar Team 0:00:04
3 Alejandro Valverde Belmonte (Spa) Movistar Team 0:00:11
4 Rigoberto Uran Uran (Col) Omega Pharma – Quick-Step Cycling Team 0:00:15
5 Damiano Caruso (Ita) Cannondale 0:00:17
6 Jhoan Esteban Chaves Rubio (Col) Orica Greenedge
7 George Bennett (NZl) Cannondale 0:00:20
8 Julian David Arredondo Moreno (Col) Trek Factory Racing
9 Haimar Zubeldia Agirre (Spa) Trek Factory Racing
10 Gianluca Brambilla (Ita) Omega Pharma – Quick-Step Cycling Team 0:00:22
11 Wilco Kelderman (Ned) Belkin Pro Cycling Team 0:00:23
12 Alberto Contador Velasco (Spa) Tinkoff-Saxo
13 Robert Gesink (Ned) Belkin Pro Cycling Team
14 Samuel Sanchez (Spa) BMC Racing Team 0:00:25
15 Cadel Evans (Aus) BMC Racing Team
16 Warren Barguil (Fra) Team Giant-Shimano 0:00:30
17 Christopher Froome (GBr) Team Sky 0:00:31
18 Przemyslaw Niemiec (Pol) Lampre-Merida 0:00:36
19 Lloyd Mondory (Fra) AG2R La Mondiale 0:00:37
20 Joaquin Rodriguez Oliver (Spa) Team Katusha 0:00:38
21 Mikel Nieve Ituralde (Spa) Team Sky
22 Peter Kennaugh (GBr) Team Sky
23 Nacer Bouhanni (Fra) FDJ.fr 0:00:39
24 Daniel Martin (Irl) Garmin Sharp
25 Sergio Pardilla Bellon (Spa) MTN – Qhubeka 0:00:40
26 Alessandro De Marchi (Ita) Cannondale
27 Fabio Aru (Ita) Astana Pro Team 0:00:41
28 Tanel Kangert (Est) Astana Pro Team
29 Jurgen Van Den Broeck (Bel) Lotto Belisol
30 Mikel Landa Meana (Spa) Astana Pro Team.

0 Comments Join the Conversation →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.