Chris Froome e la Sky per la Vuelta

Dimenticare la delusione del Tour de France e ricostruire il futuro con una grande prestazione. Così Chris Froome e il Team Sky si avvicinano alla Vuelta Espana, una corsa che ad inizio stagione era molto secondaria nelle strategie dello squadrone britannico, ma che dopo gli eventi degli ultimi mesi è diventata cruciale. Riscattarsi alla Vuelta Espana per salvare una stagione davvero deludente, quindi. 

La Sky ha composto per il suo leader una squadra forte, senza velocisti e cacciatori di tappe, come suo solito, e soprattutto senza Bradley Wiggins.

Basterà per ritrovare Chris Froome ai vertici?

“Chris Froome è il nostro leader e siamo contenti di riaverlo al via di un grande giro” spiega il Team manager Dave Brailsford “Andremo con una squadra molto forte, la Vuelta Espana quest’anno è una grande opportunità per noi. Ovviamente Froome era molto deluso dopo il ritiro al Tour de France, ma poi si è allenato bene e adesso è più determinato che mai. Avremo altri due britannici, Kennaugh e Rowe, a dimostrazione della profondità del talento britannico. Potranno avere un forte impatto sulla corsa. Nieve e Deignan correranno il loro secondo grande giro della stagione e daranno qualità in montagna, con Cataldo che aggiungerà le sue qualità a tuttotondo. L’esperienza sarà vitale, e Froome potrà contare su Kiryienka, Siutsou e Knees, corridori che vantano complessivamente 36 grandi giri alle spalle”.

“Questa è la sfida che mi serviva dopo la delusione del Tour de France” spiega Chris Froome “Non ci si deve soffermare sulla delusione, bisogna andare avanti e la Vuelta è la gara perfetta per questo. Ho sempre apprezzato correrla, è una gara dura ma una grande opportunità. Il livello sarà altissimo quest’anno, ma abbiamo una squadra forte e pensiamo di essere realmente competitivi. Il recupero dall’infortunio del Tour è andato bene, mi sono allenato duramente. Questa Vuelta mi servirà anche per la preparazione della prossima stagione. Vincere sarà dura, ma darò tutto”.

0 Comments Join the Conversation →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.