Tour 2015, Vincenzo Nibali a La Toussuire

Con coraggio e determinazione Vincenzo Nibali è arrivato a dare la svolta al suo Tour de France. A La Toussuire, nel terzo tappone alpino, Nibali ha conquistato il successo con un grande attacco da lontano, sulla Croix de Fer. Nel finale l’affondo di Quintana ha messo alle corde Froome, ma non è bastato per togliere la vittoria di tappa a Nibali.

La corsa è partita a mille. Già sulla prima salita di giornata, il col de Chaussy, Contador e Nibali hanno provato l’attacco riuscendo ad isolare Froome che ha visto subito staccarsi Geraint Thomas. Ma la fuga orchestrata da Nibali insieme a Contador non è riuscita mai a prendere spazio, e allo scollinamento la situazione si è ripresentata con il gruppo allungato ma senza fratture evidenti.

Il falsopiano successivo ha permesso alla Sky di rinserrare le fila e ricompattarsi attorno a Froome. Una fuga di una ventina di corridori, tra cui Bardet, Rolland, Kreuziger, Rodriguez e Uran è riuscita ad avvantaggiarsi ma senza prendere uno spazio determinante. La Croix de Fer ha ispirato il coraggioso attacco di Pierre Rolland, rimasto presto tutto solo al comando della corsa. Ma anche nel gruppo la corsa si è riaccesa con la Astana che ha forzato il ritmo con un eccellente Scarponi. Nibali ha provato ancora senza grande successo, poi il siciliano ha colto l’attimo approfittando di un problema meccanico di Chris Froome. Tra l’attesa generale Nibali è partito deciso e nessuno ha reagito. Froome è rientrato ma senza dare quell’impressione straripante destata sui Pirenei.

Rolland ha scollinato la Croix de Fer ancora al comando con un minuto su Nibali e due sul gruppo degli altri uomini di classifica, tutti tranne Geraint Thomas ormai disperso nelle retrovie. La Movistar ha continuato la sua corsa di consolidamento dei piazzamenti sul podio di Quintana e Valverde: così Herrada, rientrato dalla fuga, ha tirato per decine decine di km, ma senza riuscire ad arginare granchè la bella azione di Nibali. In cima al Col de Mollard il siciliano è andato a raggiungere Rolland e i due hanno pedalato assieme la discesa e il breve avvicinamento alla lunga salita finale verso la Toussuire. Ma il francese non ha potuto dare una grande mano a Nibali: ormai esausto per la lunga fuga, Rolland si è staccato subito e il capitano della Astana è volato via solo al comando della corsa.

Dietro Contador ha capito di dover difendere in qualche modo la sua posizione dall’attacco di Nibali ed ha chiesto a Majka di aumentare il ritmo. Ma il polacco non è riuscito a scalfire i quasi due minuti e mezzo nel frattempo conquistato dall’italiano. Finalmente a 6 km dall’arrivo Nairo Quintana ha rotto gli indugi, per la prima volta con tutta la decisione possibile. L’attacco del colombiano ha frantumato il gruppetto: Froome non è riuscito a tenere testa, Valverde e Contador hanno dovuto presto alzare bandiera bianca ed accomodarsi nel gruppetto dei piazzati, al pari di un Gesink e o un Mollema qualunque.

L’azione di Quintana è stata irresistibile ed anche Froome ha dovuto raschiare il fondo del barile per contenere in qualche modo il ritardo. Nibali ha faticato nel finale, ma complici gli ultimi 2 km facili è riuscito a difendere la vitoria di tappa, tagliando il traguardo con 44” su Quintana che ha rosicchiato mezzo minuto e Froome. A quasi due minuti e mezzo sono arrivati Valverde e Contador, insieme a Gesink e gli altri della top ten della generale.

Ora con questo successo Nibali risale al quarto posto in classifica, dietro a Froome che conserva un rassicurante margine di 2’38” su Quintana. Ma se riuscirà a recuperare dallo sforzo di oggi, per Nibali si apre un davvero insperato spiraglio da podio, visto che Valverde, apparso in deciso calo, è distante “solo” 1’19”. Contador è ormai al limite degli otto minuti e non sembra poter mettere sulla strada molto più del cuore e del carattere. Domani ultima appassionante tappa di montagna con l’Alpe d’Huez, con Froome che deve difendere la sua maglia gialla da un Quintana che forse si è svegliato troppo tardi, e con un Nibali che può ancora coltivare un piccolo sogno di podio.

1 Vincenzo Nibali (Ita) Astana Pro Team 4:22:53
2 Nairo Quintana (Col) Movistar Team 0:00:44
3 Christopher Froome (GBr) Team Sky 0:01:14
4 Thibaut Pinot (Fra) FDJ.fr 0:02:26
5 Romain Bardet (Fra) AG2R La Mondiale
6 Alejandro Valverde (Spa) Movistar Team
7 Bauke Mollema (Ned) Trek Factory Racing
8 Robert Gesink (Ned) Team LottoNL-Jumbo
9 Alberto Contador (Spa) Tinkoff-Saxo
10 Samuel Sanchez (Spa) BMC Racing Team

Classifica generale

1 Christopher Froome (GBr) Team Sky 78:37:34
2 Nairo Quintana (Col) Movistar Team 0:02:38
3 Alejandro Valverde (Spa) Movistar Team 0:05:25
4 Vincenzo Nibali (Ita) Astana Pro Team 0:06:44
5 Alberto Contador (Spa) Tinkoff-Saxo 0:07:56
6 Robert Gesink (Ned) Team LottoNL-Jumbo 0:08:55
7 Mathias Frank (Swi) IAM Cycling 0:12:39
8 Bauke Mollema (Ned) Trek Factory Racing 0:13:22
9 Romain Bardet (Fra) AG2R La Mondiale 0:14:08
10 Pierre Rolland (Fra) Team Europcar 0:17:27.

0 Comments Join the Conversation →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *