Team Movistar, entra Igor Anton

La presenza di Igor Anton è la grande novità dell’ultima ora per il Team Movistar che si sta preparando per il Giro d’Italia. La vittoria alla Vuelta Asturie dello scorso weekend ha convinto Eusebio Unzue e i tecnici della squadra spagnola a convocare lo scalatore basco, che sembrava uno degli esclusi dalla preselezione di undici corridori già nota. Sono stati invece tagliati Eros Capecchi e Javi Moreno. 

Il nove della Movistar al Giro d’Italia sarà: Andrey Amador (CRC), Igor Anton, Ruben Fernandez, Jesus Herrada, Beñat Intxausti, Ion Izaguirre, Juanjo Lobato (ESP ), Dayer Quintana (COL) e Giovanni Visconti (ITA) .

E’ una squadra senza i big Valverde e Nairo Quintana (debutterà il fratellino Dayer), ma con diverse carte da giocare su tutti i percorsi per portare via almeno una tappa e un bel piazzamento in classifica. “Spero che per Intxausti questo Giro d’Italia sia la conferma, qui è già andato bene entrando nella top ten in passato” analizza Unzue “Da Izagirre e Herrada mi aspetto un consolidamento dei loro progressi. Per Fernandez e Dayer Quintana sarà il debutto in un grande giro, avranno un ruolo tranquillo, dovranno fare esperienza. Visconti guiderà il gruppo insieme a Intxausti, e non ho dubbi che avrà delle opportunità in diverse tappe. Spero che Lobato si confermi come un grande velocista in questo Giro, penso ci siano diverse giornate interessanti per lui. Amador ha esperienza, è in forma, è un jolly. Non lottando per la generale avremo più libertà d’azione per trasformare ogni tappa in una classica”.

Il gran capo della Movistar torna poi sulla scelta di schierare Igor Anton: “E’ stato difficile scegliere, i progressi di Anton nelle ultime corse sono stati determinanti. Capecchi ha dei problemi di allergia e potrà entrare nel gruppo per il Tour o per la Vuelta con le sue capacità di scalatore e di adattamento al caldo. Javi Moreno può disimpegnarsi meglio alla Vuelta e nelle prossime corse in contemporanea al Giro d’Italia potrà giocare da leader”.

0 Comments Join the Conversation →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.