Petr Vakoc, fuga vincente in Polonia

Vince la fuga nella seconda tappa del Giro di Polonia che ha portato il gruppo a Varsavia. Petr Vakoc ha resistito al rientro del gruppo, molto tardivo, regalando così una ennesima vittoria alla Omega Pharma Quickstep. Vakoc ha attaccato nelle fasi iniziali insieme ai polacchi Bartlomiej Matysiak (CCC) e Przemyslaw Kasperkiewicz (Nazionale Polonia). Il gruppo ha lasciato fare soprattutto nelle fasi centrali della tappa. 

Dopo che il vantaggio si era stabilizzato sui 4 minuti, il gruppo ha rallentato troppo, permettendo alla fuga di tornare sui sette minuti a 50 km dall’arrivo. Vakoc si è poi dimostrato decisamente più forte dei due polacchi, lasciati sul posto ad una trentina di km dall’arrivo. Il giovane ceco ha cominciato a credere nell’impresa, anche perchè alla sua pedalata sempre potente ha fatto da contraltare un gruppo in cui le squadre dei velocisti hanno tergiversato perdendo km preziosi per organizzare la rincorsa.

Così Vakoc è entrato ancora con un bel vantaggio nel circuito finale di Varsavia e all’ultimo giro di 5 km è transitato con più di un minuto di vantaggio. La fuga è così andata a segno per Petr Vakoc, davvero con merito. Michael Matthews (Orica) ha sprintato davanti a Vallè (Lotto) per il secondo posto ma alzando le braccia sul traguardo. Qualcuno evidentemente in gruppo era convinto di aver ripreso tutti i fuggitivi, davvero una stranezza che si ripete abbastanza spesso in questo ciclismo in cui i corridori sono in contatto costante con le ammiraglie attraverso le radioline.

https://www.youtube.com/watch?v=W78VG7jxGZU

Classifica di tappa

1. Petr Vakoc 5.23.54
2. Michael Matthews +0.21
3. Boris Vallee
4. Ramon Sinkeldam
5. Yauheni Hutarovich
6. Nikolas Maes
7. Marco Haller
8. Guillaume Boivin
9. Luka Mezgec
10. Tyler Farrar

Classifica generale

1. Petr Vakoc
2. Yauheni Hutarovich +0.27
3. Romain Maikin +0.31
4. Boris Valle +0.33
5. Manuele Mori
6. Maciej Paterski +0.35
7. Mathias Krizek
8. Nikolas Maes +0.37
9. Marco Haller
10. Guillaume Boivin.

0 Comments Join the Conversation →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *