Giro di Polonia, tutti coalizzati contro Darwin Atapuma

Un discusso episodio ha caratterizzato la tappa di ieri del Giro di Polonia, vinta poi dal norvegese Thor Hushovd. Nelle prime fasi una fuga si è avvantaggiata e tra i corridori all’attacco si è segnalato anche il colombiano Darwin Atapuma. Il corridore del Team Colombia è stato però costretto a rialzarsi dal comportamento degli altri fuggitivi, come spiega un arrabbiatissimo Claudio Corti, il team manager della squadra:

“Quanto è accaduto nella tappa odierna è vergognoso. Il nostro Darwin Atapuma, già brillante secondo sabato a Madonna di Campiglio, faceva parte della fuga iniziale ma è stato oggetto di un autentico boicottaggio da parte dei direttori sportivi degli atleti impegnati in fuga, e in seguito dagli stessi corridori all’attacco, convinti che la presenza di un uomo ancora in discreta posizione di classifica come lui (seppur con 5 minuti di ritardo dal leader della classifica generale) avrebbe compromesso le possibilità di successo della fuga.

I direttori sportivi delle altre formazioni partecipanti alla fuga hanno fatto incredibili pressioni sulla nostra ammiraglia, scatenando i propri corridori in attacchi continui e insensati contro Atapuma, il quale alla fine si è dovuto sfilare. Ai signori del ciclismo vorrei ricordare che questo non è sport, c’è da vergognarsi per la prepotenza di certi squadroni con budget multimilionari che per un qualunque risultato sono pronti a tutto…”

Il fatto che la fuga poi non sia andata in porto e che Atapuma nel finale abbia nuovamente tentato l’attacco, senza fortuna, conferma che una brutta pagina di ciclismo è stata scritta oggi a danno di un corridore estremamente valido e stimato e di una squadra Professional che ha più volte confermato il proprio valore assoluto.

La 5a tappa del Giro di Polonia, 160 km da Nowy Targ a Zakopane, si è conclusa con il successo in volata di Thor Hushovd (BMC), che ha preceduto sul traguardo Matthieu Ladagnous (FDJ) e Daniele Ratto (Cannondale) dopo che un nuovo tentativo di attacco di 6 uomini con lo stesso Atapuma e il francese Christophe Riblon (Ag2r) fra i protagonisti era stato neutralizzato a poche migliaia di metri dall’arrivo di Zakopane. Jon Izaguirre (Euskaltel) ha sfilato a Rafal Majka (Saxo-Tinkoff) il simbolo del primato in classifica generale.

Quanto al primo tentativo di attacco, dopo il rientro in gruppo “forzato” di Atapuma, i suoi compagni del Team Colombia hanno dato il massimo all’inseguimento, presidiando le primissime posizioni del gruppo fino all’esaurimento dell’azione a circa 20 km dal termine per dare al “Puma” una nuova opportunità nel finale. Al grande lavoro degli Escarabajos non ha purtroppo potuto contribuire Carlos Julian Quintero, costretto da una tendinite a scendere di bici nella prima metà di gara.

0 Comments Join the Conversation →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.