Ciclismo del 3 ottobre 2013

Unitedhealthcare, ciclomercato italiano

La squadra americana Unitedhealthcare ha ingaggiato Daniele Ratto e Marco Canola. Ratto era rimasto senza squadra dopo la fusione tra Cannondale e Garmin. Canola lascia la Bardiani dopo tre stagioni. L’obiettivo della squadra americana è di ottenere un invito al prossimo Giro d’Italia. Lunedì i due nuovi corridori insieme ad Alessandro Bazzana e al direttore sportivo Roberto Damiani saranno a Milano per la presentazione della corsa rosa. 

Favilli torna alla Neri

Elia Favilli lascia la Lampre dopo due stagioni per fare ritorno alla squadra di Luca Scinto con cui aveva già corso negli anni precedenti.

La Astana rischia la sospensione

Il doppio caso di doping dei fratelli Iglinskiy in cui è rimasto coinvolto il team Astana rischia di costare uno stop alla Astana. Secondo le regole del Movimento per un Ciclismo Credibile, l’organismo presieduto da Roger Legeay e di cui anche la Astana fa parte, una squadra che incappa in due casi di doping nel giro di dodici mesi deve sospendere l’attività per otto giorni a partire dalla successiva corsa World Tour. Ma la regola si applica solo dopo il risultato delle controanalisi, quindi al momento non è a rischio la presenza di Aru e compagni al Lombardia. Vedremo se e quando Iglinsky chiederà le controanalisi e se la Astana dovrà cominciare la prossima stagione con questo stop che certamente minerebbe ancora di più l’immagine della squadra kazaka.

Sparkassen Munsterland Giro 

Volata tra big alla corsa tedesca, con Andrè Greipel che ha battuto al fotofinish John Degenkolb e Tom Van Asbroeck.

Tour de l’Eurometropole

Doppietta di Arnaud Demare. Il francese della FDJ ha vinto anche la seconda tappa, battendo allo sprint Jens Debusschere e Theo Bos.

Belkin, novità dal mercato

Il team Belkin, che dal prossimo anno si chiamerà LottoNL-Jumbo, ha annunciato gli arrivi di Tom Van Asbroeck e Timo Roesen. Rinnovano Marten Tjallingii, Robert Wagner, Rick Flens e Maarten Wynants.

0 Comments Join the Conversation →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.