Orica, al Tour per una tappa

Obiettivo vittoria di tappa per la Orica GreenEdge al Tour de France. La squadra australiana è stata tra le ultime a ufficializzare la formazione che schiererà al Tour. Sarà una formazione con ben 5 debuttanti e solo 4 confermati rispetto alla Orica che l’anno scorso fece faville nella prima settimana vincendo la cronosquadre e una tappa con Gerrans. 

I nove corridori della Orica sono Jens Keukeleire, Luke Durbridge, Mathew Hayman, Michael Albasini, Michael Matthews, Simon Clarke, Simon Gerrans, Simon Yates e Svein Tuft.

“Quest’anno andiamo al Tour senza un vero velocista per le tappe pianeggianti. Metteremo nel mirino diverse tappe, l’obiettivo è vincerne almeno una” ha spiegato il Ds Matthew White.

orica-tuft“Sono molto soddisfatto della squadra che abbiamo costruito, è un bel mix di esperienza e gioventù” continua White “Gerrans è il nostro leader, negli ultimi due anni ha vinto delle grandi corse, come una Sanremo, una Liegi e una tappa al Tour. Sappiamo di poter contare su di lui quando la posta in gioco è alta. Matthews sarà al debutto, al Giro ha ottenuto i migliori risultati della sua carriera. Il suo obiettivo è vincere una tappa. La maglia verde invece non è un obiettivo. Hayman stabilirà il record di debuttante più vecchio. Ha un’ottima visione di corsa, è un tattico, un leader. Lui e Tuft daranno esperienza ai nostri giovani. Clarke è versatile, è un grande uomo squadra. In alcune tappe avrà un ruolo di supporto, in altre potrà giocarsi le sue chance.  Albasini è un vincente, uno su cui possiamo contare sia per lavorare per la squadra sia per sè stesso. Durbridge ha recuperato velocemente dall’incidente del Giro, questo dimostra la sua professionalità. Keukeleire è cresciuto molto, ha dimostrato la sua versatilità, è pronto per il Tour, lo vedremo nelle fughe sia in pianura che in media montagna. Simon Yates non doveva fare il Tour. Abbiamo scelto lui e non Adam Yates perchè a causa dell’incidente al Giro di Turchia ha corso meno ed è molto più fresco”.

0 Comments Join the Conversation →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *