Mondiali, dominio Aussie tra le juniores

Passa ancora la scuola australiana nelle cronometro giovanili ai Mondiali. La prima gara individuale è stata la cronometro femminile juniores. Una corsa diventata molto difficile a causa della pioggia battente sotto la quale hanno dovuto correre le ragazze. Condizioni che hanno esaltato preparazione della scuola dell’Australia, con ragazzine abituate fin da giovanissime a correre nei quartetti su pista e nelle prove contro il tempo. Le australiane hanno occupato tre delle prime quattro posizioni, con solo la danese Mathiesen ad interrompere il monologo aussie.

L’oro è andato a Macey Stewart, l’unica in grado di fare una certa differenza, già nei primi km più veloci. La Stewart ha chiuso con 10” sulla danese Mathiesen, mentre l’altra australiana Hull ha battuto la connazionale Manly per un niente prendendosi la medaglia di bronzo.

Buona, anche se non eccellente la prova delle azzurrine. Alice Gasparini, medagliata agli europei nella specialità, ha faticato molto nel finale, chiudendo 13° quando almeno una piazza nelle top ten era alla sua portata. Subito dietro Sofia Bertizzolo, 14°, la nostra punta per la corsa in linea di venerdì. Brave comunque! A 17 anni non è solo il risultato che conta, anzi. E’ una bella esperienza e la dimostrazione che i talenti ci sono anche in Italia, ma che il nostro movimento ha bisogno ancora di uno slancio maggiore verso questa disciplina per formare queste ragazze che ce la stanno mettendo tutta per difendere la maglia azzurra.

Non nasconde un pizzico di delusione il Ct azzurro Dino Salvoldi: “Avrei sperato in una posizione migliore, anche se sapevo che era dura entrare nelle prime dieci. Purtroppo si è confermato quanto prevedevamo, ovvero che la prima parte del percorso, completamente pianeggiante, avrebbe favorito atleti possenti in grado di spingere rapporti lunghi. Da questo punto di vista Sofia e Alice devono ancora crescere.”

1 Macey Stewart (Australia) 0:20:08.39
2 Pernille Mathiesen (Denmark) 0:00:10.79
3 Anna-Leeza Hull (Australia) 0:00:13.31
4 Alexandra Manly (Australia) 0:00:13.81
5 Emma White (United States Of America) 0:00:26.47
6 Greta Richioud (France) 0:00:26.63
7 Melissa Lowther (Great Britain) 0:00:27.69
8 Aafke Soet (Netherlands) 0:00:28.23
9 Daria Pikulik (Poland) 0:00:38.91
10 Daria Egorova (Russian Federation) 0:00:44.73
11 Camila Valbuena (Colombia) 0:00:50.05
12 Lisa Klein (Germany) 0:00:51.87
13 Alice Gasparini (Italy) 0:00:52.45
14 Sofia Bertizzolo (Italy) 0:00:55.51
15 Janelle Cole (United States Of America) 0:01:02.21
16 Milda Aužbikaviciute (Lithuania) 0:01:06.86
17 Yekaterina Yuraitis (Kazakhstan) 0:01:08.07
18 Natalia Radzicka (Poland) 0:01:08.78
19 Kiyoka Sakaguchi (Japan) 0:01:08.81
20 Faina Potapova (Kazakhstan) 0:01:10.48 .

0 Comments Join the Conversation →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *