Simone Ponzi al Gp Costa degli Etruschi 2014

Simone Ponzi
Simone Ponzi

Comincia nel segno della Neri Yellowfluo la stagione italiana del ciclismo. La squadra di Luca Scinto ha dato spettacolo nel finale del Gp Costa degli Etruschi 2014, un po’ alla stessa maniera di quanto aveva fatto la Lampre nella passata edizione. Allora era stata una tripletta per Scarponi e compagni, oggi una doppietta con Simone Ponzi da solo e Mauro Finetto a regolare gli inseguitori.

Due corridori su cui Scinto ha puntato molto: al primo, Ponzi, ha dato per la prima volta i gradi di capitano e già alla prima corsa in maglia Neri ecco il successo.

Il secondo, Finetto, dopo una stagione in cui nessuno lo aveva voluto è stato rilanciato un anno fa ed ora è pronto a raccogliere risultati e soddisfazioni.

La fuga della prima ora
La fuga della prima ora

Cielo nuvoloso, ma niente pioggia nè freddo per il primo giorno di scuola del ciclismo italiano, che si è ritrovato a San Vincenzo per il via del Gp Costa degli Etruschi 2014. Dopo pochi chilometri è nata la fuga che caratterizzato la corsa fino ad una ventina di km dall’arrivo. A propiziarla Eduard Grosu (Vini Fantini Nippo) che dopo aver vinto il primo traguardo volante della corsa è stato seguito da Francesco Lamon (Nazionale Italiana U23), Ondrej Vendolsky (Team Dukla Praga), Botond Hollo (Utensilnord), Matteo Spreafico (Team Idea), Felix Grosschartner (Team Gourmetfein Simplon Wels), Fabio Chinello (Area Zero Pro Team) e Marco Tecchio (Area Zero Pro Team).

Il gruppo rimonta
Il gruppo rimonta

Il gruppetto ha subito guadagnato spazio, fino a 9’10” dopo una sessantina di km al primo passaggio dal traguardo di Donoratico. La corsa è quindi entrata nei tre diversi circuiti attorno alla cittadina livornese e il gruppo ha cominciato a menare demolendo rapidamente il distacco. Ad una cinquantina di km dall’arrivo il gruppetto dei fuggitivi ormai frazionato poteva contare solo su tre minuti, con un destino segnato. Ma i coraggiosi hanno tenuto duro almeno per il primo dei due giri finali comprendenti la salita di Torre Segalari.

Raggiunta la fuga, arriva il gruppetto Yellowfluo
Raggiunta la fuga, arriva il gruppetto Yellowfluo

Qui è cominciata la spettacolare corsa d’attacco della Neri Yellowfluo. Sul primo passaggio in salita Finetto e Rabottini (Neri), Formolo (Cannondale) e Sinkewitz (Meridiana) sono stati i più attivi riuscendo a guadagnare qualche decina di metri sul gruppo ormai spezzettato, mentre la fuga della prima ora ormai si esauriva. Una prima parte del gruppo è riuscita a rientrare, ma ancora Rabottini e Formolo hanno infiammato la seconda scalata a Torre Segalari. Finetto e Ponzi si sono riportati davanti formando così un quartetto con una netta predominanza Neri. Il finale è stato sulla falsariga della scorsa stagione, ma con colori diversi: la Neri ha approfittato della situazione creata per lanciare all’attacco Ponzi negli ultimi 3 km pianeggianti verso Donoratico. Il bresciano ha difeso il suo centinaio di metri di vantaggio, mentre gli altri attaccanti venivano inesorabilmente ripresi da un gruppo ormai ridotto ad una ventina di uomini. Il finale è stato tutto Yellowfluo con Ponzi tutto solo e Finetto a battere il gruppetto per la seconda piazza. Bel terzo di Andrea Pasqualon, della debuttante Area Zero continental.

Simone Ponzi
Simone Ponzi

Un po’ di note sulle indicazioni emerse da questa prima corsa italiana: le tre Professional italiane, Neri Yellowfluo, Bardiani CSF e Androni Venezuela, si sono confermate tre complessi solidi. E’ piaciuto molto Formolo, uno scalatore debuttante già competitivo con i migliori. E tra le tante nuove squadre continental emerge subito un risultato di grande qualità, il podio di Pasqualon.

LE INTERVISTE

costa-etruschi-gruppo-4Simone Ponzi: “Sono felice per questo risultato, volevo regalare un’emozione alla squadra e sapevo di stare bene, questa squadra mi ha dato fiducia, mi ha fatto rimettere in gioco come leader e io spero di dargli soddisfazioni da qui alla fine dell’anno. Quando ho dovuto scegliere dove andare, non ho avuto dubbi: Luca Scinto è un valore aggiunto per la motivazione ed era ciò di cui avevo bisogno”.

Angelo Citracca, Team manager Neri: “Abbiamo vinto in Toscana, davanti ai nostri tifosi all’apertura di stagione con un podio quasi tutto nostro. Non potevamo chiedere di più, il miglior cappello al nostro progetto #MadeInTuscany”

Classifica Gp Costa degli Etruschi 2014

1 Simone PONZI ITA YEL 4:24:27
2 Mauro FINETTO ITA YEL 8
3 Andrea PASQUALON ITA AZT 8
4 Matteo RABOTTINI ITA YEL 8
5 Antonio PARRINELLO ITA AND 8
6 Kristijan KOREN SLO CAN 8
7 Rafael ANDRIATO BRA YEL 8
8 Luka PIBERNIK SLO RAR 8
9 Enrico BARBIN ITA BAR 8
10 Luca WACKERMANN ITA LAM 8
11 Jarlinson PANTANO COL COL 8
12 Diego ROSA ITA AND 8
13 Rodolfo Andres TORRES AGUDELO COL COL 8
14 Davide VILLELLA ITA CAN 8
15 Jan POLANC SLO LAM 8
16 Edoardo ZARDINI ITA BAR 8
17 Angelo PAGANI ITA BAR 8
18 Francesco Manuel BONGIORNO ITA BAR 8
19 Johnny HOOGERLAND NED AND 8
20 Manuele MORI ITA LAM 8
21 Ricardo PICHETTA ITA IDE 8
22 Davide FORMOLO ITA CAN 8
23 Cristiano SALERNO ITA CAN 8
24 Franco PELLIZOTTI ITA AND 8
25 Paolo CIAVATTA ITA AZT 8
26 Patrik SINKEWITZ GER MKT 47
27 Christian DELLE STELLE ITA IDE +1:50
28 Sonny COLBRELLI ITA BAR +1:50
29 Milan KADLEC CZE ADP +1:50
30 Mirko TEDESCHI ITA IDE +1:50.

0 Comments Join the Conversation →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.